Quando studenti e docenti si fanno gli audiolibri

Imparare a leggere ad alta voce non è facile quanto si potrebbe immaginare. Ed è proprio questo il compito che stanno svolgendo alcuni insegnanti e studenti della “Scuola teatrale Città di Varese”.

L’impegno non è un esercizio fine a se stesso, ma ha un preciso scopo: arrivare a registrare degli audiolibri.

Il gruppo di “donatori della voce”, che si sta formando, registrerà audiobook di poesia e narrativa, testi scolastici, e libri per ragazzi, i cui titoli verranno concordati di volta in volta con le scuole coinvolte, che potranno anche usufruire (in maniera completamente gratuita) della vasta audioteca dell’Associazione Libro Parlato Lions, con più di 8000 files disponibili.

La prima scuola ad aver aderito al progetto è la secondaria di primo grado di Vedano.

Fonte: varesenews.it

Scuole ed Università a misura di disabile

disabileL’Università di Modena e Reggio Emilia è a misura di disabile. Sono 240 gli studenti disabili e con disturbi specifici d’apprendimento iscritti all’Ateneo modenese e reggiano per l’anno accademico 2010-2011.

Rappresentano oltre l’1% del totale della popolazione universitaria, dato record se si considera che la media italiana si attesta allo 0,5%. L’alto numero è stato raggiunto grazie ai numerosi progetti messi in campo dall’Ateneo per facilitare la partecipazione e l’apprendimento di questi studenti, in particolare lo sportello sull’utilizzo degli ausili per la disabilità e gli strumenti compensativi per gli disturbi dell’apprendimento.

Le scuole modenesi saranno inoltre le prime a sperimentare la piattaforma di prestito digitale per le biblioteche italiane “Medialibrary Online”, sistema per distribuire ogni tipo di contenuto digitale: audio, video, testi, banche dati gratuite e a pagamento, testi storici in formato immagine, archivi iconografici, audiolibri, libri digitalizzati, soluzioni e-learning, live-casting in tempo reale, ed altro ancora.

Fonte: ilrestodelcarlino.it