Progetto Sorriso nel mondo

Non solo libri, in corsia arrivano anche gli audiolibri su iPad. E i pazienti che si trovano in ospedale potranno distrarsi con romanzi e poesie anche se non possono leggere con i propri occhi. E’ un progetto dell’ospedale Sant’Anna in collaborazione con l’associazione “Progetto Sorriso nel mondo“. Alla biblioteca già da tempo a disposizione dei degenti si aggiungono ora due iPad per far ascoltare i libri anche a chi ha deficit visivi.

L’esperienza di “Libri in Corsia“, nata su iniziativa della onlus “Progetto Sorriso”, è servita ad aiutare i pazienti a superare il disagio insito nella permanenza ospedaliera attraverso l’incontro con un’opera letteraria. “La distribuzione dei libri – sottolinea Andrea Di Francesco, chirurgo maxillo-facciale al Sant’Anna e presidente dell’associazione – ha creato un’occasione di vicinanza e di scambio tra i pazienti e le volontarie che, con dedizione e costanza, hanno saputo dedicare ascolto e particolare cura ai degenti soli e in condizioni di difficoltà.

Audiolibri per gli anziani

Gli anziani che abitano nelle Case di riposo di Feltre, Cesiomaggiore e Lentiai (in provincia di Belluno) hanno sperimentato per un mese il progetto del Cilp (Centro internazionale del libro parlato) che ha consentito l’ascolto individuale e di gruppo di audiolibri.
Il progetto, finanziato dalla Regione Veneto e dalla fondazione Cariverona, passa ora alla sua seconda fase in cui coinvolgerà tutte le 335 case di riposo del Veneto per un totale di 25mila ospiti.
I lettori mp3 per l’ascolto individuale e le apparecchiature per la fruizione di gruppo degli audiobook sfruttano un collegamento al portale internet del Cilp da cui gli utenti possono scaricare i files selezionati tra tutti gli audiolibri presenti nella biblioteca digitale del Centro, che contiene attualmente oltre 13000 titoli.

Gli Audiolibri anche in ospedale

È l’iniziativa dell’assessorato alla cultura di Grosseto – la diffusione della cultura a tutti i livelli è uno degli obiettivi dell’amministrazione comunale e il servizio di biblioteca in ospedale rientra, appieno, nell’ottica della promozione della lettura – in collaborazione con la biblioteca, reso possibile da un finanziamento di 18mila euro della Regione Toscana. 

L’iniziativa è finalizzata a portare il servizio di prestito bibliotecario come romanzi, gialli, saggi, audiolibri, cd musicali, dvd e opere per ragazzi  all’ospedale Misericordia, per offrire ai degenti e ai familiari che li assistono la possibilità di alleviare il disagio. Il punto di distribuzione verrà attivato nella sala d’attesa dell’atrio del Misericordia, gestita  dalll associazioni di volontariato Avo e Abio, assieme lala cooperativa Tesauro e l’azienda sanitaria.

Una iniziativa simile era stata avviata alla fine dello scorso anno, con il “PROGETTO @bed – La multimedialità in ospedale” da “il Narratore audiolibri” che, nell’ Ospedale Maggiore di Crema, ha informatizzato oltre 400 letti, munendoli di collegamento ad internet e PC portatile. 

Oltre alla possibilità per gli infermieri di avere una cartella digitale, i degenti hanno la possibilità di collegarsi ad internet, intrattenersi con videogiochi e ascoltare audiolibri.
Questo mediante utilizzo di monitors che si attivano con la pressione delle dita, privi di ventola di raffreddamento, impermeabili e realizzati con materiali antimicrobici, appesi a una staffa mobile e manovrabile con facilità dal letto del paziente.
Prima esperienza del genere in Italia – in Gran Bretagna i letti informatizzati sono circa 75 mila, e l’iniziativa si sta diffondendo rapidamente in Francia, Spagna, Austria e Germania – l’installazione è stata realizzata e totalmente finanziata dalla Lutech spa, società di ingegneria italiana del gruppo Laserline. La casa editrice il Narratore ha fornito gli audiolibri che possono essere ascoltati dai degenti al costo di 1 euro per 24 ore.

Un sunto di questo post è ora disponibile in versione audio Wav/MP3

SCARICA LA VERSIONE AUDIO DI QUESTO POST DEL BLOG DI Audiolibri.info