Papa Francesco partecipa al social audiobook Ombra Bianca

Quando si pensa agli albini, in genere, non viene mai in mente l’Africa, ma è proprio in questo Paese che chi è affetto dalla malattia generica che causa una deficienza di pigmentazione della pelle, si trova a vivere le maggiori difficoltà.

Gli albini, nei paesi africani sono tradizionalmente vittime di discriminazioni e, in molti casi, come in Tanzania, anche di gravi violenze.

Per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione è stato realizzato un audiolibro. Si tratta di un’opera un po’ particolare, definita anche social audiobook, visto che nasce, vive e si diffonde online.

Il libro, dal titolo “Ombra Bianca”, ha come autore Cristiano Gentili, cooperante internazionale ed ex funzionario dell’Onu in Africa, che in occasione del lancio del sito ombrabianca.com è stato ricevuto in Vaticano da Papa Jorge Mario Bergoglio, ed è riuscito a coinvolgerlo nel suo progetto.

Papa Francesco ha così aderito alla campagna di sensibilizzazione #HelpAfricanAlbinos, e l’ha fatto in modo molto concreto, com’è nel suo stile, ovvero leggendo una parte dell’audiobook.

Pare sia stato lo stesso Papa a scegliere quali frasi leggere, si tratterebbe di quelle pronunciate nel testo da padre Francis, unico sacerdote cattolico della storia. Un personaggio che porta il suo stesso nome, Francesco, quello che Bergoglio s’è scelto al momento della sua elezione come Pontefice.

Tra le frasi del libro, lette dal Papa, c’è la seguente: “Dio è in ogni essere umano. La vita di un essere umano vale quanto la vita dell’intera comunità. Se si offende una persona si insulta Dio”.

Oltre che dall’audiolibro, la campagna di sensibilizzazione è accompagnata dal lancio di una petizione in sei lingue, pubblicata sul sito change.org e viene appoggiata da Medici con l’Africa-Cuamm e altre Organizzazioni non Governative.

A rendere “social” questo audiobook c’è soprattutto il fatto che tutti possono parteciparvi, leggendone una frase, basta collegarsi alla sezione testimonials del sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *